ReliPress | RELIGIOUS LIFE PRESS
Gennaio 2013

Seguire Cristo

L'editoriale del numero di gennaio della rivista Consacrazione e Servizio

La nozione di sequela Christi è profondamente evangelica e già all’interno del Nuovo Testamento segna un importante punto di riferimento per indicare il legame dei discepoli con la persona e con il mistero di Cristo. Nel Vangelo di Marco la sequela è designata dal verbo seguire; anziché dire che il discepolo è chiamato a imparare, si dice che è chiamato a seguire. Il verbo, che abitualmente si accompagna alla parola discepolo, è imparare. Usando invece il verbo seguire, si sottolinea che al primo posto non c’è un’idea, una dottrina, ma una Persona. Seguire, infatti, non dice solo camminare, ma andar dietro a Qualcuno, a cui si vuole restare vicini, facendo la sua stessa strada e condividendo le sue scelte. Il Concilio, con tutta la tradizione, ha fatto del «seguire Cristo secondo il Vangelo» il tema di fondo e la «regola suprema» o «norma ultima» della vita consacrata (cf Perfectae caritatis 2a). La ragione di questo primato è semplice: «seguire Cristo» è la vocazione fondamentale della Chiesa, Sposa di Cristo che vive con lui e per lui (cf Ef 5,23-32), e quella di ogni battezzato, che porta il nome di cristiano perché «battezzato nella morte e risurrezione» di Cristo (Rm 6,3-11; Col 2,12-13), a lui appartiene e si sforza di seguirlo facendo del Vangelo la legge della sua vita. Oggi, anche come frutto del Vaticano II e del magistero ecclesiale, appare chiaro che la sequela fa parte integrante della vocazione cristiana e la vita consacrata è una sua modalità.

Che cosa significa in concreto seguire Cristo evangelicamente? Gli studiosi di spiritualità della vita consacrata richiamano i tratti essenziali della sequela Christi, come risultano dalla tradizione sinottica. Seguire Cristo innanzitutto è «rispondere liberamente di sì a una chiamata esplicita».La vita consacrata non è in primo luogo un fare, ma un tipo di relazione personale con Qualcuno. È risposta a Qualcuno incontrato e che chiama. È Cristo che chiama e sceglie, e la chiamata non è determinata dalla bravura o dalle qualità umane del chiamato, ma dall’Amore di Cristo. Il Vangelo su questo aspetto è molto chiaro. Nessuno di coloro che hanno seguito Gesù da vicino, si è mai presentato da sé per imporsi in qualche modo a lui. Tutti e ciascuno sono stati oggetto di una scelta libera e gratuita e di una chiamata esplicita, che non ammetteva condizioni: «Chiamò a sé quelli che volle ed essi andarono da lui» (Mc 3,13). «Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi» (Gv 15,16). Seguire Gesù in questo contesto di grazia significa incontrare il suo amore, lasciarsi affascinare e attrarre dalla sua bellezza unica, in modo tale da impegnarsi radicalmente e totalmente per lui.

Inoltre, seguire Cristo è «vivere come lui» (cf PC 1b). La sequela evangelica non implica solo stare con Cristo, accompagnarlo per la via che egli ha percorso in obbedienza al Padre, richiede pure di vivere come lui. E questo significa assumere progressivamente il suo stile di vita, adottare i suoi atteggiamenti interiori, lasciarsi invadere dal suo spirito, assimilare la sua sorprendente logica e la sua scala di valori, condividere i suoi rischi e le sue speranze. Vivere come Cristo è configurarsi con lui nelle tre dimensioni sostanziali della sua vita: la verginità, l’obbedienza, la povertà, accettando di lasciare tutto per lui. Mediante l’impegno pubblico della professione religiosa il consacrato assume i tre consigli detti «evangelici» non per il loro valore umano, ma perché li trova nell’insegnamento di Cristo e, meglio ancora, nella sua vita. Questi tre impegni trovano nel Maestro la loro ragione d’essere e il loro valore decisivo: si tratta di raggiungere Cristo, di imitarlo, amarlo, unirsi strettamente a lui, di partecipare nello Spirito alla sua verginità, povertà, obbedienza. Gesù esige il distacco radica le, al quale tutti possono essere chiamati, ma non tutti corrispondono, come il giovane ricco (cf Mt 19,22ss).

Ancora, seguire Cristo è «camminare al suo seguito fino alla croce». La sequela ha una direzione e un dinamismo: seguire, quale verbo di movimento, indica fino a che punto conduce il configurarsi a Cristo. Il seguirlo «dovunque egli vada» (Lc 9,57) significa imitare e condividere non solo la sua vita, non solo la sua azione, ma anche il suo destino storico che lo porta fino alla croce. Esigendo dai suoi discepoli un simile sacrificio, Gesù si rivela come Dio e manifesta dove giungono le esigenze di Dio. I discepoli sono invitati ad andare dietro Gesù portando la propria croce ogni giorno (Lc 9,23; 14,27). La vita consacrata, dal giorno della professione religiosa, è una via da percorrere con coraggio, senza fermarsi mai, nella fedeltà agli appelli continui, senza rifiutare di seguire Gesù quando si profila la croce (Mt 16,21-25).

Seguire questo maestro-messia, che percorre la via del profeta perseguitato e del martire ucciso, comporta la scelta coraggiosa e perseverante di condividere il destino di un maestro umiliato e di un messia fallimentare sul piano umano. Questo cammino ha un significato chiaro: porta a una progressiva rinuncia a se stessi, all’offerta oblativa della propria vita, esprimendo un amore sempre più autentico, in unione a Cristo Crocifisso. Oggi questo Crocifisso è il Risorto, colui che ha promesso: «Chiunque ha lasciato casa o moglie o fratelli o campi per me, già al presente riceve cento volte tanto» (Mc 10,30). I consacrati, al dire del Concilio, esercitandosi nelle virtù, «partecipano all’annientamento di Cristo, ma allo stesso tempo alla sua vita nello Spirito» (PC 5). In una vita consacrata autentica, i frutti dello Spirito attestano che la vita nuova portata da Cristo non è soltanto per il cielo, ma comincia da quaggiù: fa dei consacrati i testimoni della libertà spirituale. Di più, il Concilio li vede progredire gioiosi nella via della carità (cf LG 43a) e persino nella sofferenza sono colmati dall’Amore a cui si sono affidati.

Lascia un commento

* obbligatorio

Consacrazione e Servizio

Rivista della Unione Superiori Maggiori d'Italia (USMI).

continua
newsletter

iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su..