ReliPress | RELIGIOUS LIFE PRESS
Maggio 2013

Servire con responsabilità

Autorità come servizio responsabile fino al dono di se.

Sergio Rotasperti

ROMA (vidimus dominum). Se volessimo raccogliere in un immagine il filo conduttore di questa seconda giornata dell’assemblea, certamente emblematica è il gesto della lavanda dei piedi fatta all’inizio della giornata pomeridiana. Il richiamo al gesto di Gesù nell’ultima cena ricorda alle superiore generali che il senso e il valore del servizio dell’autorità va rintracciato innanzi tutto nell’ascolto orante della Parola di Dio.

Autorità come servizio

Per questo motivo, la mattinata è stata quasi interamente dedicata alla comprensione dell’autorità nella Bibbia, proposta dalla prof.ssa Bruna Costacurta docente di AT presso la Pontificia Università Gregoriana e direttrice del Dipartimento di Teologia Biblica dell’omonima università. La Sacra Scrittura offre numerose figure di autorità a cui fare riferimento. La studiosa ha tratteggiato la figura del re ideale d’Israele e soprattutto rinarrato la vicenda della regina Ester come emblema del servizio. L ’autorità secondo il messaggio biblico è l’esercizio del servizio compiuto da chi vive “secondo il cuore di Dio” (1Sam 13,14). Proprio come Davide e soprattutto la regina Ester la quale ha assunto la “realtà del proprio corpo, della proprio concretezza, della propria storia personale” diventando responsabile per gli altri, pronta a sacrificarsi mettendosi in gioco completamente: “Ester ha messo a rischio la propria vita perché si è caricata delle sofferenze del popolo a cui appartiene e di cui si sente responsabile”.

Autorità come responsabilità

Anche il pomeriggio è continuato nello stile del servizio, ma orientato all’oggi e all’assunzione di responsabilità che ciò comporta. Sono stati presentate tre realtà fra loro molto differenti. Davanti ad una platea molto attenta, Sr. Florence Deacon OSF presidente LCWR ha spiegato la travagliata vicende dell’organismo di rappresentanza LCWR oggetto di indagine dal Dicastero Vaticano per la dottrina della fede. Responsabilità è dialogo, fermezza, reciprocità e purtroppo non sempre si è verificato fra le istituzioni preposte. Tuttavia, la speranza non viene meno e il servizio di autorità guarda avanti con fiducia. In questo percorso, il sostegno dell’assemblea UISG è stato unanime. Su tutto un altro fronte, la presentazione del sito ”Vidimus Dominum” che fa capo ai superiori (USG) e alle superiore maggiori (UISG) è stata un’occasione per raccogliere dati e rilanciare il servizio in rete. Questi i numeri presentati dalla responsabile Sr. Giannica Selmo SFP: 10mila contatti unici al mese da tutto il mondo, più di 1200 articoli, spazio aperto alla partecipazione di tutte le Congregazioni. La giornata di contenuti si è chiusa con la Relazione a più voci della Commissione Giustizia e pace e salvaguardia del creato (JPIC) con la pressante richiesta non solo di conoscerne l’attività, ma anche di promuovere questo aspetto essenziale per chi svolge il servizio dell’autorità nella vita consacrata.

Lascia un commento

* obbligatorio

newsletter

iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su..