ReliPress | RELIGIOUS LIFE PRESS
Febbraio 2014

Proteggere i minori

La sorpresa del Vaticano di fronte al documento ONU in materia di abusi sui minori.

Con sorpresa e sconcerto la Santa Sede ha accolto le conclusioni e raccomandazioni del Comitato della Convenzione per i diritti del fanciullo in merito agli abusi sui minori. La dura dichiarazione del Comitato non solo è negativo sui passi troppo deboli compiuti dal vaticano in materia di prevenzione e rimozione dei casi di pedofilia tra il clero e le istituzioni religiose, ma chiede la revisione del Codice di diritto canonico, la revisione circa alcune materie come aborto, omosessualità e contraccezione.

La sorpresa della delegazione della Santa sede – in una intervista a mons. Silvano Tomasi osservatore permanente presso l’ONU – , risiede anche nel fatto che il documento finale sembra ignorare quasi completamente il report preparato nei mesi scorsi ad hoc e, quindi, le conclusioni sarebbe state fatte in maniera ideologica e distorta per dare forza ad alcuni organizzazioni non governative in appoggio all’ONU.

Comunque, la Santa sede si è proposta di leggere attentamente e analizzare con precisone quanto hanno scritto i membri della commissione e prepareanno una risposa adeguata. Ignorare ciò che è stato fatto in materia di trasparenza da papa Benedetto XVI prima e da papa Francesco dopo è senz’altro imparziale e altamente discutibile.

Oltre il Vaticano, si stanno sollevando altre voci critiche sul document.i Ad esempio, Sr. Mary Ann Walsh portavoce della Conferenza episcopale Americana, mette in luce come I tanti passi fatti dalla chiesa cattolica e la debolezza della posizione della realazione.

Insomma, a giudizio della Santa Sede si tratterebbe di un testo non aggiornato, già scritto e datato, mentre per la commissione ONU le istituzioni ecclesiali non solo sarebbero negligenti nella protezione dei minori e nel contrasto sugli abusi ma violerebbero diritti anche materia di aborto, contraccezione e omosessualità.

 

Lascia un commento

* obbligatorio

newsletter

iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su..