ReliPress | RELIGIOUS LIFE PRESS
Febbraio 2014

L’oro verde dei carmelitani

Religiosi e religiose carmelitani inventori e promotori di in un originale progetto sanitario.

In Madagascar molto preziosa è la presenza e l’azione dei carmelitani. L’Associazione Aiuto alla Chiesa che soffre ha diffuso la conoscenza di un’interessante progetto che da diversi anni stanno portando avanti una comunità di monache carmelitane di Amborovy, vicino al Mahajanga in Madagascar.

Allarmanti sono le condizioni sanitarie ed economiche del Madagascar: l’80% della popolazione vive con meno di un dollaro al giorno e solo il 15% della popolazione ha accesso alle cure mediche di base. La presenza della Chiesa a volte è l’unica forma di assistenza sanitaria. I carmelitani svolgono un servizio formidabile nella società. P. Bruno Dall’Acqua, economo della diocesi di Mahajanga spiega: «Il nostro compito primario è quello di annunciare il Signore e lo facciamo attraverso le nostre opere sociali. Siamo impegnati nella scuola che riteniamo molto importante per dare istruzione ed educazione e per aiutare queste persone a crescere nella fede. Oltre le scuole il nostro impegno si muove anche nel campo sanitario: tanti sono gli ammalati che non hanno la possibilità di curarsi».

Alla luce di tutto ciò si può comprendere il valore di un progetto di autosostentamento che vedono impegnate le monache contemplative carmelitane di Ambovory. Esso sono riuscite a produrre un integratore alimentare coltivando la spirulina, un’alga ricca di proteina con preziose proprietà mediche ed energetiche. Spiega suor Odette priora del monastero: «Conoscevamo già l’efficacia della spirulina, i cui effetti sono di grande aiuto ai malati, agli anziani, ai bambini malnutriti. Sicuri degli ottimi risultati ci siamo lanciate in questo progetto e grazie alla spirulina i bambini aumentano di peso pur non mangiando abbastanza riso».

Una scoperta nata per caso, e che è chiamata ‘oro verde’ giacché è in grado di salvare la vita a intere popolazioni. (Fonte: Aiuto alla Chiesa che soffre)

Lascia un commento

* obbligatorio

newsletter

iscriviti alla nostra newsletter

Seguici su..